jump to navigation

UNIVeRSITA’ CATTOLICA DEL SACRO CUORE.. E FORSE IL CERCHIO SI STRINGE 19 gennaio 2007

Posted by ilduca00 in SATIRA.
trackback

Chi sarà mai quell’uomo lì che tiene questo facinoroso cartello nel mentre che contesta Prodi?

Ipotesi 1: L’infiltrato

L’infiltrato ha deciso che oggi fa politica, ma da vecchio sessantottino sa solo partecipare con l’eccesso. Controinformazione, contropropaganda. Rovinare l’immagine dell’avversario cercando di porre l’attenzione dei teledipendenti sul rapporto tra mafia e politica. Ma non una manifestazione o un dibattito. Si infiltra tra i ragazzi della Cattolica. Cristiani con gli occhiali firmati, sciarpina e scarpe nere. La kefiah, il regalo di suo figlio che con tanto orgoglio sfoggia, l’ha lasciata sul mobile. Ha comprato una spilla azzurra ed un fischietto. Si affianca agli amici per un giorno con il braccio alzato: “Vattene” “Non sei degno” “Non ti vogliamo, noi non ti vogliamo”. Una volta convinti i compagni tira fuori il suo cartello. Molti sguardi stupiti per qualche minuto, poi torna il beghino nero e tutti si ricompattano fedeli.

Ipotesi 2: Il legalizzatore

Il legalizzatore ha come obiettivo il riconoscimento legale della mafia come parte lecita ed integrante dello stato italiano. Il suo fine ha una base teorica: molti italiani pensano che la mafia, nonostante uccida, pesti e spacci, sia spesso più presente sul territorio rispetto allo stato e come lo stato offre lavoro, servizi sociali, protezione. La mafia concede quelle opportunità che lo stato ha promesso e non ha mai rispettato. Il legalizzatore vuole che questa teoria divenga l’idea dominante dell’italiano medio. Anche Riina vota Berlusconi. La liceità della mafia sia chiesta e sostenuta dal popolo disilluso. Poi una volta tornati al governo si può operare il grande balzo in avanti: il potere politico riconosce la mafia rendendola lecita e la mafia diviene una pulita ed efficiente impresa multinazionale. “Piccole” avvisaglie del rapporto intercorrente possono essere le frasi del capomafia Leoluca Bagarella, il quale durante un processo legge una dichiarazione in cui sostiene che i capimafia sono «stanchi di essere strumentalizzati, umiliati, vessati e usati come merce di scambio dalle varie forze politiche». Era Luglio ’02. cinque giorni dopo un gruppo di mafiosi detenuti affida al segretario dei Radicali italiani una lettera indirizzata agli «avvocati parlamentari»: «E dove sono gli avvocati delle regioni meridionali, che hanno difeso molti degli imputati di mafia e ora siedono negli scranni parlamentari, e sono nei posti apicali di molte commissioni preposte a fare queste leggi. Loro erano i primi, quando svolgevano la professione forense, a deprecare più degli altri l¹applicazione del 41 bis. Allora svolgevano la professione solo per far cassa… Ora non si preoccupano…» Suonano molto come: Avvocati, ricordatevi degli amici…e delle promesse. Corrispettivo di un favore.

Ipotesi 3: L’idiota

uuh che bello. voto Berlusconi. toh un altro che vota come me. l’ho già visto. come si chiama?ah si Salvatore. Grande Salvatore.”

L’idiota ha sfidato il freddo, pieno di desiderio di urlare il suo disgusto. Il partito gliel’ha chiesto. E lui appoggia il partito, sono le sue idee, e poi c’è Lui, “l’essere perfettissimo creatore e signore”. Ed oggi ha deciso anche di allestire un cartello per essere visibile, per rivedersi alla tv e segnalarsi alla famiglia. Porta a testimonianza della sua fede il suo amico Salvatore. Non sa che è un altro stato, un altro ordine, altre leggi. Non sa che spaccia, uccide, chiede il pizzo, minaccia. Non sa di danneggiare l’immagine del suo partito. Non sa che sono 12 anni che appare qua e là, in ogni dove, per dire che non è mafioso, che non sa neppure cosa sia, anzi come uomo di stato la resiste, la combatte e la distruggerà!

(Citizen documentario della tv americana al minuto 32. Telefonata fra dell’Utri e Berlusconi intercettata dalla polizia, quindi agli atti in un Tribunale italiano, ma non diffusa dai media. La potete ascoltare qui.)

Intorno all’idiota si diffonde un mormorio, bisbigli: “chissà perché questo è venuto con il viso di Salvatore. Non era mafioso? Mah sicuramente ci sono di mezzo i giornalisti. Montano un caso su qualunque notizia. Chissà poi che significato ha questo cartello?” poi ad un tratto l’illuminazione sovviene e il sorriso si apre tra le labbra raggrinzite, la voce si alza: “ehehe anche io voto Berlusconi”. La soddisfazione di non essere soli.

Annunci

Commenti»

No comments yet — be the first.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: